direttore@collezionedeltalento-museodigitale.com

ENRICO BAJ. Biografia e tour virtuale dell’opera dell’artista.

Museo di grafica e multipli d'autore, d'arte moderna e contemporanea

ENRICO BAJ

Enrico Baj: biografia

Enrico Baj nacque a Milano il 31 ottobre del 1924. Dopo la prima formazione presso il Liceo Giovanni Berchet, iniziò gli studi di medicina, per poi intraprendere quelli di giurisprudenza, dopo la seconda guerra mondiale. Parallelamente frequentò anche l’Accademia di Belle Arti di Brera. Importanti furono i contatti con intellettuali quali Andrè Breton, Marcel Duchamp e Umberto Eco. Per la sua prima mostra personale del 1951, presso la Galleria San Fedele di Milano, presentò una produzione di opere informali. Sempre nel 1951 è uno dei fondatori della “ Pittura Nucleare”. Fu anche collaboratore di riviste quali Il Gesto, Boa e Phases, oltre che autore di libri (Patafisica, Automitobiografia, Ecologia dell’arte). Fu promotore, nel 1954, degli “Incontri internazionali della ceramica” di Albissola, ai quali parteciparono anche Lucio Fontana, Emilio Scanavino, Karel Appel ed Aligi Sassu. Nel 1964 fu la volta della Biennale di Venezia e della Triennale di Milano.

Pensiero artistico

Attraverso le sue opere Enrico Baj ha voluto rendere visibile il suo animo e la sua capacità di eviscerare la realtà fino alle dimensioni atomiche, donando, all’osservatore, una visione personale. Attraverso l’uso di materiali alquanto insoliti per le opere d’arte, quali il legno, le stoffe, il meccano, i tubi idraulici, Enrico Baj mette a nudo la parte negativa del mondo, attraverso la moda come forma degradata dell’arte e attraverso l’incontrollabile progresso della tecnologia; quest’ultima responsabile della robotizzazione dell’essere umano e del moderno prevalere della forma sulla sostanza.

Si è spento a Vergate il 15 giugno del 2003.

Enrico Baj: opere