direttore@collezionedeltalento-museodigitale.com

RENZO VESPIGNANI: biografia ed opere

Museo di grafica e multipli d'autore, d'arte moderna e contemporanea

Renzo Vespignani: biografia

Renzo (Lorenzo) Vespignani nacque a Roma il 19 febbraio del 1924. La sua attività artistica iniziò durante l’occupazione nazista, attraverso una produzione grafica indirizzata alla rappresentazione della realtà cruda e brutta, che vedeva attorno a se stesso, in quel drammatico momento storico. Il suo maestro fu in quel periodo l’incisore Lino Bianchi Barriviera, presso cui era nascosto. Nel dopoguerra fu il momento di un filone incentrato sulla rinascita dell’Italia devastata dalla guerra. Nel 1961 vinse il Premio Spoleto e nel 1963 , in occasione della mostra Contemporary Italian Painting, tenutasi in Australia, in cui venne esposta una sua opera. Del 1963-64 fu invece la partecipazione in Medio Oriente e in Nord Africa alla mostra peintures italiennes d’aujourd’hui. Nel 1969 Vespignani iniziò a lavorare a opere incentrate sui temi della società a lui contemporanea e alla crisi che l’ha investiva, soprattutto rispetto a fatti e valori riguardanti il ceto intellettuale, la quotidianità, il perbenismo e l’autoritarismo. L’importante fu anche la produzione di Vespignani nel campo dell’illustrazione di opere letterarie, quali il Decamerone e di autori quali Leopardi, Kafka e Majakowskij. Il suo impegno artistico e culturale lo portarono a ricevere, nel 1999, l’elezione a presidente dell’Accademia nazionale di San Luca e la nomina a Grand’ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Renzo Vespignani si spense a Roma il 26 aprile 2001.